21 settembre: Giornata Mondiale della malattia di Alzheimer

21 settembre: Giornata Mondiale della malattia di Alzheimer


La malattia prende il nome da Alois Alzheimer, neurologo tedesco che per la prima volta nel 1907 ne descrisse i sintomi e gli aspetti neuro patologici.

La malattia di Alzheimer è una patologia neuro degenerativa, progressiva e irreversibile, che colpisce la memoria e le funzioni cognitive, si ripercuote sulla capacità di parlare e di pensare ma può causare anche altri problemi fra cui stati di confusione, cambiamenti di umore e disorientamento spazio-temporale. Nell’anziano, rappresenta la più comune forma di demenza, intesa come una progressiva perdita delle funzioni cognitive. Anche se il decorso della malattia di Alzheimer è unico per ogni individuo, ci sono sintomi comuni.

In Abruzzo le persone malate di Alzheimer sono 15 mila, cioè 11,5 ogni 1000 abitanti, dato che colloca la regione ai primi posti della classifica nazionale.

In Italia si stima che la demenza colpisca 1,2 milioni di persone. Diverse ricerche ipotizzano che il numero crescerà fino a 1,6 milioni nel 2030 e oltre i due milioni nel 2050. Una patologia quindi destinata a colpire sempre più individui.

NON DIMENTICARE CHI DIMENTICA !

” Ricorda che ho bisogno di te.

Che il meglio di me se ne è già andato e non ritornerà mai più.

Non mi abbandonare, rimani al mio fianco, 

come io sono sempre stato al tuo quando eri un bambino”

 

  • le mani 21-9-2019
    le mani 21-9-2019